ZeroShell Firewall Portatile 2.0

Zeroshell come firewall portatile

ZeroShellIn questo mio precedente articolo http://www.dibrigida.it/401/firewall-portatile/ parlavo di un firewall portatile.
Il mio progetto è sicuramente molto utile, tuttavia è carente di interfaccia grafica.
Già da qualche anno utilizzo un interfaccia molto semplice e versatile, si tratta di ZeroShell, una distribuzione linux realizzata da Fulvio Ricciardi.
In ZeroShell c’è già tutto, basta scaricare l’immagine e burnarla su una chiavetta, effettuare il boot, installarla e configurare il firewall.
Nel caso del firewall portatile, in 10 minuti si configurano le interfacce, e in altri 10 minuti si tira su il client vpn.
Scaricando l’immagine per il supporto ARM, è possibile usare un ORANGE PI (grande quanto un pacchetto di sigarette) per avere il proprio firewall con se.
Con pochi click, attraverso l’interfaccia grafica è possibile configurare ZeroShell perché si connetta alla rete wi-fi dell’albergo, con un altro click si attiva il client VPN già configurato in precedenza e in 30 secondi si è online.
Con ZeroShell il firewall è davvero alla portata di tutti.
Per ulteriori informazioni, visitare il sito zeroshell.net

Alcuni punti di forza

Sistema open source linux, il produttore mette a disposizione i sorgenti di qualsiasi software realizzato;
Usabile da chiunque e gratuitamente, il produttore mantiene aggiornato il software con le donazioni;
Interfaccia grafica semplice e intuitiva;
Una documentazione sconfinata;
Una quantità impressionante di persone che adoperano questa distribuzione, sinonimo di robustezza e soprattutto, in caso di bug, questo emerge all’istante;
Una community molto attiva;
Davvero un ottimo software !
Il filesystem in sola lettura lo rende molto robusto in caso di spegnimento accidentale;
Io lo uso da anni e non ho mai avuto problemi !

Certificazioni

…..E no, questo non è certificato, nell’epoca dei “fascettisti”, su questa distribuzione non vi è nessuna fascetta blasonata.
Quando vado in albergo, trovo sul water una fascetta con su scritto: PULITO
Questo non vuol dire che sia pulito davvero, vuol dire solo che qualcuno ha messo una fascetta con la scritta pulito, per sapere se effettivamente sia pulito o no, devo adoperarlo.
Questo “Pinocchio fragile, parente artigianale di ordigni costruiti su scala industriale” non farà del produttore un cavaliere del lavoro, lo fa un EROE.
Tutti quelli che producono un qualcosa del genere ed hanno il coraggio di renderlo libero, sono EROI.
Io personalmente ho imparato tantissimo da questa distribuzione, tant’è che la installo in maniera differente, cosa che non posso fare con i blasonatissimi prodotti da migliaia di euro. Un giorno mi confronterò con il produttore, a quel punto due saranno le possibili reazioni, o si ritirerà o mi darà l’anatema informatico 🙂
Per ora, il mio consiglio è: VIA TUTTI QUEI PRODOTTI INDUSTRIALI INUTILI E BENVENUTO ZEROSHELL.
Che poi Zeroshell non fa nulla di meno di ciò che fa il miglior firewall del mondo, certo bisogna saperlo configurare e bisogna avere le giuste conoscenze, anche per i firewall blasonati vale la stessa cosa. La differenza che fa la differenza sta proprio nel fatto che in un Zeroshell posso controllare cosa c’è scritto nel codice, in un firewall blasonato NO!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.